Partecipate: una squadra con più presidenti che giocatori

downloadTorniamo a parlare su questo blog, e non solo, di un argomento che ci sta appassionando: le aziende partecipate

Un numero non indifferente di aziende conta più consiglieri di amministrazione che dipendenti!

Questo è lo sconvolgente dato da cui vogliamo far partire le nostre considerazioni.
Proviamo ora a capire in breve il significato di questa situazione.
Il consiglio di amministrazione è generalmente eletto dall’assemblea dei soci, è composto da un numero di consiglieri, tutti stipendiati, definito nello statuto ed è l’organo di controllo dell’impresa. Per questo motivo si occupa di nominare il management, di stabilire una linea strategica e di sorvegliarne la realizzazione. Da questo quadro appare evidente che le partecipate in questione rappresentino un’anomalia rispetto alla normale ricerca di economicità da parte delle aziende. Se ci pensiamo bene è come una squadra di calcio che conta più presidenti che giocatori; una compagnia aerea con più manager che piloti, una scuola con più presidi che studenti. Insomma massimo sforzo per performance standard.

I motivi di questi sprechi? In situazioni di così poca trasparenza vengono in mente le eloquenti parole di Giulio Andreotti:” a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si indovina”. Nel corso degli anni infatti i posti all’interno dei consigli di amministrazione sono spesso serviti da veri e propri “poltronifici”, utili a ricambiare favori o semplicemente a sistemare amici e parenti senza dare troppo nell’occhio. E’ il solito meccanismo all’italiana, in cui l’economia viene completamente subordinata a finalità politiche prive di una visione di lungo periodo. Questo stesso sistema è quello che ha rovinato il Monte dei Paschi e che sta contribuendoo ad affondare questo paese. A pagare questi sprechi saranno i soliti contribuenti e i dipendenti di queste partecipate, guidati da gente spesso incompetente e non scelta per merito.

Se pensate sia finita qua vi sbagliate di grosso. Purtroppo per questo paese ci sono ancora molte situazioni al limite del paradossale che cercheremo di raccontarvi.
Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook e Twitter.

Stay tuned!

Pietro Salis, Alessandro Mascaro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...